Linkedin

Seguici sui social

Abbiamo rinnovato i nostri canali social media. Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter

Facebook

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti dichiari di aver preso visione dell’informativa sulla Privacy e acconsenti al trattamento dei dati personali

Iscriviti alla nostra newsletter

Loading

Via libera della Corte dei Conti al decreto ministeriale di approvazione della nuova tabella proposta dall’Inail, che migliora significativamente la prestazione economica che spetta ai lavoratori per i quali sia stata accertata una menomazione dell’integrità psicofisica compresa tra il 6% e il 15%

ROMA – La Corte dei Conti ha registrato il decreto n. 45 del 23 aprile 2019 con cui il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, visto il parere del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha approvato su proposta dell’Inail la nuova tabella di indennizzo del danno biologico in capitale, che aumenta di circa il 40% gli importi erogati ai lavoratori vittime di un infortunio o di una malattia professionale per i quali sia stata accertata una menomazione dell’integrità psicofisica compresa tra il 6% e il 15%. Gli importi dei nuovi indennizzi, in vigore dal primo gennaio di quest’anno, assorbono le due rivalutazioni straordinarie del danno biologico intervenute a decorrere dal 2008, nella misura dell’8,68%, e dal 2014, nella misura del 7,57%.

Superate le differenze tra uomini e donne. Oltre a determinare un sensibile miglioramento del livello delle prestazioni economiche rispetto alle tabelle precedenti – risalenti al 2000 ed elaborate tenendo conto della gravità della menomazione, dell’età e del sesso – la nuova tabella di indennizzo in capitale supera le differenze di genere, equiparando le prestazioni che spettano a uomini e donne, in linea con la giurisprudenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea.

L’importo è erogato in un’unica soluzione e non è soggetto a tassazione Irpef. Gli indennizzi del danno biologico in capitale sono versati ai lavoratori in un’unica soluzione. Quando la menomazione dell’integrità psicofisica dell’infortunato o tecnopatico è uguale o superiore al 16%, invece, la prestazione economica è erogata in forma di rendita, soggetta a revisione entro 10 anni in caso di rendita da infortunio ed entro 15 in caso di rendita da malattia professionale. Entrambe le tipologie di indennizzo non sono soggette a tassazione Irpef.

 

Determina del Presidente n. 2 del 9 gennaio 2019

Indennizzo in capitale per la menomazione dell’integrità psicofisica (danno biologico)

Fonte: Inail

 

 

Back to Top
Iscriviti alla nostra newsletter

Vogliamo rendervi sempre più partecipi delle nostre attività, idee e progetti, con l’attivazione del servizio newsletter. La registrazione è molto semplice, inserite la vostra mail e successivamente riceverete una mail di conferma di avvenuta registrazione.

Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e smi e dell’art. 7 Regolamento UE 2016/679, il sottoscritto:
* Campo obbligatorio

In qualsiasi momento l’Interessato potrà revocare i consensi sopra rilasciati, ferma restando la liceità dei trattamenti basati sui consensi prestati prima.
x