Linkedin

Seguici sui social

Abbiamo rinnovato i nostri canali social media. Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter

Facebook

Iscriviti alla nostra newsletter

Loading

In Gazzetta ufficiale del 7 Agosto 2017 n.183 è stato pubblicato il nuovo regolamento volto a semplificare la gestione e l’utilizzo delle terre e rocce da scavo contenuto nel D.P.R. n. 120 del 13 Giugno 2017 .

In sintesi, la nuova norma, prevede che terre e rocce soddisfino i requisiti stabiliti dalle norme europee e nazionali per essere classificate come sottoprodotti e non come rifiuti.

 Cosa riguarda il regolamento ?

  • la gestione delle terre e rocce da scavo qualificate come sottoprodotti proveniente da cantieri di piccole e grandi dimensioni
  • la gestione nei siti oggetto di bonifica
  • l’utilizzo nel sito di produzione delle terre e rocce da scavo escluse dalla disciplina dei rifiuti
  • il deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti

Quali sono gli elementi di semplificazione ?

  • semplificazione delle procedure e termini certi per concluderle
  • eliminazione dell’obbligo di comunicazione all’autorità competente di ogni trasporto di terre e rocce intese come sottoprodotti nei cantieri
  • una definizione puntuale delle condizioni di utilizzo delle terre e rocce all’interno dei siti oggetto di bonifica
  • rafforzamento del sistema dei controlli
  • possibilità di gestire ed utilizzare terre e rocce come sottoprodotti anche senza approvazione del piano di utilizzo da parte dell’Autorità competente nei cantieri di grandi dimensioni
  • possibilità di fornire una semplice comunicazione per apportare modifiche sostanziali al piano di utilizzo per i piccoli cantieri o per quelli grandi sottoposti a Via o Aia

 Nei piccoli cantieri saranno previste delle semplificazioni rilevanti :

Basterà una dichiarazione sostitutiva almeno 15 giorni prima dell’inizio dei lavori di scavo .

piccoli cantieri sono tutti quelli che non superano i 6 mila metri cubi totali, mentre nei i cantieri medi (sopra i 6mila metri cubi ma non sottoposti a VIA e AIA) basterà predisporre una dichiarazione sostitutiva.

Nei grandi cantieri, invece, la modalità per attestare che le terre e rocce da scavo soddisfino i requisiti stabiliti per essere classificate come sottoprodotti , sarà necessario il deposito di un piano di utilizzo delle terre all’autorità competente ,trascorsi 90 giorni, senza attendere l’autorizzazione del piano .

 Fonte : http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/08/07/17G00135/sg

Back to Top
Iscriviti alla nostra newsletter

Vogliamo rendervi sempre più partecipi delle nostre attività, idee e progetti, con l’attivazione del servizio newsletter. La registrazione è molto semplice, inserite la vostra mail e successivamente riceverete una mail di conferma di avvenuta registrazione.

Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e smi e dell’art. 7 Regolamento UE 2016/679, il sottoscritto:
* Campo obbligatorio

In qualsiasi momento l’Interessato potrà revocare i consensi sopra rilasciati, ferma restando la liceità dei trattamenti basati sui consensi prestati prima.
x
X